L'OLIO DI CBD SI PRESENTA IN UN TEST DROGHE? (E COME PASSARE)

L'OLIO DI CBD SI PRESENTA IN UN TEST DROGHE? (E COME PASSARE)

I test antidroga sono comuni oggi, soprattutto perché molte aziende li considerano una parte fondamentale del loro processo di reclutamento. Inoltre, gli sportivi si aspettano di sottoporsi di tanto in tanto ai test antidroga. Nel frattempo, il clamore intorno all'olio di CBD aumenta ogni giorno e molte persone affermano che il cannabinoide li ha aiutati in un modo o nell'altro. In realtà, non c'è quasi nulla Olio al CBD non viene utilizzato al momento, sebbene non ci siano prove scientifiche sufficienti per dimostrare che l'olio di CBD può davvero aiutare con queste affermazioni. Vuoi esplorare l'olio di CBD per i suoi benefici dichiarati ma temi di risultare positivo ai test antidroga? Questo articolo è il tuo informatore; leggilo per sapere tutto sull'olio di CBD e sui test antidroga.

Capire l'olio di CBD

È una sostanza chimica e un composto attivo della pianta di cannabis. Può essere estratto da piante di canapa o marijuana, ma la maggior parte dei marchi è specializzata in prodotti CBD derivati ​​dalla canapa la cui concentrazione di THC è inferiore allo 0.3% per soddisfare i requisiti di Farm Bill sull'olio di CBD legale. L'olio di CBD si presenta in tre tipi; isolati (ha solo CBD senza terpeni, flavonoidi o altri cannabinoidi), olio di CBD a spettro completo (ha terpeni, flavonoidi, il THC psicoattivo e più cannabinoidi diversi dal CBD) e olio di CBD ad ampio spettro (ha CBD, terpeni, flavonoidi, cannabinoidi multipli ma senza il THC psicoattivo). Puoi goderti vari prodotti per queste formulazioni, tra cui tinture di olio di CBD, edibili, topici, vaporizzatori, capsule e concentrati.

L'olio di CBD si presenta in un test antidroga?

L'olio di CBD puro non ti farà risultare positivo per un test antidroga, ma molti fattori entrano in gioco. I test antidroga cercano fondamentalmente THC rilevabile nel sistema, il che significa che consumare olio di CBD con THC ti farà risultare positivo per un test antidroga. Pertanto, l'unico modo per superare un test antidroga è evitare i prodotti a base di olio di CBD o concentrarsi sull'olio di CBD puro.

La fonte dell'olio di CBD non ha importanza

È interessante notare che la pianta utilizzata per produrre l'olio di CBD ha importanza quando si tratta di test antidroga. La marijuana è una varietà di cannabis con la più alta concentrazione di THC e il suo consumo ti farà risultare positivo per un test antidroga. Tuttavia, l'olio di CBD derivato dalla marijuana purificato in modo che non sia presente THC rilevabile ti farà meno probabilmente fallire un test antidroga. Al contrario, l'olio di CBD a spettro completo con concentrazioni di THC superiori ai valori limite ti farà sicuramente fallire un test antidroga.

Limiti per i test antidroga

Conoscere i limiti per i risultati positivi dei test antidroga ti aiuta a sapere come vengono condotti i test antidroga. I cut-off sono le soglie o le concentrazioni di THC oltre le quali il risultato di un test antidroga diventa positivo. Esistono diversi limiti in base al tipo di test antidroga come segue;

Urina

Sono i test antidroga più comuni con un cut-off di 50 ng/mL. Cercano THC rilevabile o THC-COOH, un metabolita del THC psicoattivo nel sistema. Il THC e i suoi metaboliti in genere rimangono nel sistema 3-15 giorni dall'ultimo consumo, ma un uso intenso di THC potrebbe mantenere i metaboliti nel sistema fino a 30 giorni.

Sangue

I test antidroga con sangue come campione non sono comuni sul posto di lavoro poiché il THC si elimina dal sangue in breve tempo. Ad esempio, i metaboliti sono presenti nel sangue fino a 5 ore dopo il consumo. Sono comuni nell'ambiente stradale e sono usati per misurare il danno dove la cannabis è legale, e una concentrazione di 1-5 ng/mL denota un danno.

Capelli

I test antidroga che utilizzano campioni di capelli sono meno comuni sul posto di lavoro e non hanno cut-off, con il suggerimento precedente che lo fissava a 1 pg/mg di metaboliti THC-COOH.

saliva

I test antidroga che utilizzano campioni di saliva non sono comuni sul posto di lavoro e, sebbene sia stato suggerito un limite di concentrazione di 4 ng/mg, al momento non esiste un limite.

Perché l'olio di CBD potrebbe farti fallire un test antidroga?

Se in passato hai fallito un test antidroga dopo aver assunto l'olio di CBD, potresti chiederti perché è successo, ma l'olio di CBD non dovrebbe farti risultare positivo per un test antidroga. Ecco alcuni motivi che potrebbero contribuire all'osservazione;

Mancanza di regolamento

La FDA non regolamenta la produzione di olio di CBD senza prescrizione medica. Pertanto, non sorprende imbattersi in marchi che trattano prodotti scadenti che indicano l'assenza di THC, ma hanno THC come parte dei cannabinoidi. Ciò significa che alcuni marchi producono prodotti a base di olio di CBD che aumenteranno la probabilità di fallire i test antidroga rispetto agli altri.

Etichettatura errata del prodotto

Un'etichettatura errata del prodotto potrebbe farti fallire un test antidroga. Questo accade in genere quando non ci sono 3rd test di gruppo e un marchio etichetta i prodotti per il bene di conquistare clienti senza certezza sull'effettivo profilo dei cannabinoidi. Anche se questo è comune nell'arena della canapa, sono necessari ulteriori studi per confermare se anche i marchi americani di CBD hanno colpa in questo modo.

Contaminazione incrociata

La contaminazione incrociata in fabbrica e nei negozi e negozi CBD potrebbe farti fallire un test antidroga. Avere prodotti THC vicino a prodotti CBD potrebbe portare a una contaminazione incrociata, sebbene tali casi siano rari. Potresti acquistare un prodotto che è rimasto vicino a un prodotto THC e fallire un test antidroga a causa della contaminazione incrociata.

Come superare i test antidroga

Potresti pensare che consumare prodotti a base di CBD puro con zero THC possa farti superare un test antidroga, ma come visto sopra, la contaminazione incrociata potrebbe comunque farti fallire un test antidroga. In quanto tale, l'unico modo più sicuro per superare i test antidroga è evitare il più possibile i prodotti a base di cannabis. Acquistare olio di CBD da marchi rinomati, leggere le etichette dei prodotti. Fare ricerche su un'azienda prima di acquistare i suoi prodotti e scegliere prodotti a base di olio di CBD il cui profilo cannabinoide e concentrazione di CBD sono indicati potrebbe anche aumentare le tue possibilità di superare i test antidroga.

Conclusione

L'olio di CBD non dovrebbe farti fallire un test antidroga fintanto che i suoi livelli di THC sono al di sotto del limite. Mentre si potrebbe consumare puro olio di CBD, la contaminazione incrociata, la mancanza di regolamentazione dello spazio di canapa e l'etichettatura errata del prodotto potrebbero far fallire i test antidroga. In quanto tale, l'unico modo più sicuro per superare i test antidroga è evitare del tutto i prodotti a base di cannabis, anche se la ricerca e l'affidamento a marchi rinomati per i tuoi prodotti CBD potrebbero in qualche modo aiutare.

Anastasia Filipenko è una psicologa della salute e del benessere, dermatologa e scrittrice freelance. Si occupa spesso di bellezza e cura della pelle, tendenze alimentari e nutrizione, salute e fitness e relazioni. Quando non sta provando nuovi prodotti per la cura della pelle, la troverai a frequentare un corso di ciclismo, fare yoga, leggere nel parco o provare una nuova ricetta.

Ultime da CBD