L'OLIO DI CBD TI DÀ ENERGIA?

L'OLIO DI CBD TI DÀ ENERGIA?

Molte persone stanno incorporando l'olio di CBD nel loro stile di vita per diversi motivi. I produttori di pubblicità dei consumatori affermano che questo cannabinoide può gestire condizioni come dolore, depressione, ansia, malattie, concentrazione, memoria, cognizione e recupero. Attualmente, non ci sono prove scientifiche sufficienti per attribuire all'olio di CBD l'energia e i relativi benefici. Tuttavia, alcuni studi lo suggeriscono Olio al CBD migliora altri fattori che aumentano indirettamente l'energia, come evidenziato in questo articolo. L'olio di CBD non è raccomandato per il trattamento o la cura di problemi legati all'energia, soprattutto perché la FDA non ha approvato il cannabinoide.

Capire l'olio di CBD

Il CBD è uno dei tanti composti attivi nelle piante di cannabis. Sebbene l'olio di CBD possa essere estratto dalla marijuana o dalle piante di canapa, Farm Bill ritiene legale l'olio di CBD derivato dalla canapa con meno dello 0.3% di THC. La maggior parte dei marchi utilizza la canapa per produrre i propri prodotti a base di olio di CBD perché la marijuana ha una concentrazione di TCH più elevata.

I prodotti a base di olio di CBD includono caramelle gommose, mentine, capsule, softgel, tinture, vaporizzatori, gemme di canapa pre-rollate, topici e articoli per animali domestici. Inoltre, ci sono tre diverse formulazioni di olio di CBD definite dalla composizione come segue;

Olio di CBD a spettro completo

Contiene terpeni, flavonoidi e molteplici cannabinoidi come CBD, CBT, CBN, CBG e il THC psicoattivo, legati a un effetto entourage completo.

Olio di CBD ad ampio spettro

Questa formulazione è più simile all'olio di CBD a gamma completa nella composizione, solo che manca del THC psicoattivo.

Olio di CBD a base di isolato

 Questo olio di CBD è privo di terpeni, flavonoidi e cannabinoidi. Contiene solo CBD ed è considerata una formulazione pura.

La maggior parte dei principianti e delle persone che trovano insopportabile il sapore terroso dell'olio di CBD si concentrano sugli isolati poiché sono insapore e inodore. Tuttavia, gli oli di CBD a spettro completo e ad ampio spettro sono la scelta di molte persone per il loro effetto entourage completo, e quest'ultimo è l'ideale se vuoi evitare il THC psicoattivo per il suo effetto "stonato" o "alto".

L'olio di CBD può darti energia?

Una persona può mancare di energia per molte ragioni, tra cui condizioni croniche e dolore, dieta, sonno insufficiente, sonnolenza diurna e stress. Uno studio di Moltke e Hindocha, (2021) suggerisce che l'olio di CBD potrebbe gestire queste condizioni e aiutare una persona a ritrovare energia. Tuttavia, non ci sono prove sufficienti per dimostrare che l'olio di CBD influisca sull'energia.

L'olio di CBD interagisce con il sistema endocannabinoide

Molto si sa sull'olio di CBD, compreso come funziona. Tuttavia, il corpo umano ha un sistema endocannabinoide (ECS) con enzimi, cannabinoidi e recettori (CB1 e CB2) che modulano le funzioni in tutto il corpo e possono aiutare con l'energia. L'ECS influenza funzioni e processi critici nel corpo, inclusi percezione, dolore, digestione, immunità, sonno, regolazione della temperatura e sazietà. Secondo Di Marzo & Piscitelli, (2015), il sistema endocannabinoide interagisce con i cannabinoidi e, quando si assume olio di CBD, i cannabinoidi si legano ai recettori. Questo mette i recettori in un meccanismo correttivo, cercando di riportare tutto in equilibrio. In quanto tale, l'interazione olio ECS-CBD può dare energia al corpo. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi che portino alla luce l'esistenza di un tale sistema e i suoi effetti sull'energia.

Olio di CBD per la gestione del dolore

Il dolore è uno dei tanti fattori che riducono l'energia. Pertanto, tutto ciò che può ridurre il dolore può comportare un guadagno di energia. Esistono studi limitati sul CBD sulla gestione del dolore. Tuttavia, uno studio di Vučković, Srebro, & Vujovic et al. (2018) l'analisi degli studi sul CBD dal 1975 al 2018 ha concluso che l'olio di CBD potrebbe aiutare con diverse forme di dolore, inclusi dolori neuropatici, cancro e fibromialgia. Lo studio suggerisce che il CBD allevia il dolore cronico, contribuendo al guadagno di energia. Tuttavia, la recensione non mostra che l'olio di CBD possa fornire direttamente un'energia.

Olio di CBD per dormire meglio

Il sonno è una disposizione che permette al corpo di rilassarsi e prepararsi a rimettersi in sesto al risveglio. Le persone con insonnia e scarsa qualità del sonno generalmente si sentono stanche poiché non danno al sistema abbastanza tempo per ringiovanire. L'olio di CBD può migliorare il sonno e dargli energia? Uno studio di Shannon, Lewis e Lee et al. (2019) con 72 soggetti ha osservato che 25 mg di capsule di olio di CBD hanno aiutato il 66.9% dei partecipanti a dormire meglio, mentre il 79.2% ha riportato una riduzione dell'ansia. Lo studio suggerisce che l'olio di CBD potrebbe aumentare il sonno e ridurre l'ansia, dandogli realisticamente energia. Tuttavia, questo studio ha coinvolto una piccola popolazione che non può fare ipotesi scientifiche accurate.

Dovresti prendere l'olio di CBD per l'energia?

Gli studi attuali non offrono prove sufficienti per accertare scientificamente che l'olio di CBD potrebbe aiutare con la carenza di energia. Inoltre, la FDA non ha approvato l'olio di CBD per l'energia, il che significa che non esiste un dosaggio raccomandato per l'olio di CBD. Molte lacune di conoscenza circondano gli studi sul CBD e c'è una miriade di informazioni sull'olio di CBD che sono sconosciute. Tutto ciò dimostra che l'assunzione di olio di CBD per qualsiasi motivo è un approccio rischioso.

Conclusione

Non ci sono prove sufficienti per accreditare l'olio di CBD per aver dato energia a una persona. Sebbene la ricerca iniziale mostri che l'olio di CBD può ridurre l'ansia e il dolore e migliorare il sonno di una persona, non si sa fino a che punto ciò sia possibile e se questi effetti portino a un aumento di energia. Se incorpori l'olio di CBD nel tuo stile di vita, dovresti consultare un medico in anticipo.

Referenze

Moltke, J. e Hindocha, C. (2021). Ragioni per l'uso del cannabidiolo: uno studio trasversale sui consumatori di CBD, incentrato sullo stress auto-percepito, sull'ansia e sui problemi del sonno. Giornale di ricerca sulla cannabis, 3(1), 1-12.

Di Marzo, V., & Piscitelli,

F. (2015). Il sistema endocannabinoide e la sua modulazione da parte dei fitocannabinoidi. Neurotherapeutics, 12(4), 692-698.

Vučković, S., Srebro, D., Vujović,

KS, Vučetić, Č., & Prostran, M. (2018). Cannabinoidi e dolore: novità

Approfondimenti da vecchie molecole. Frontiere in farmacologia 1259.

Shannon, S., Lewis, N., Lee,

H., e Hughes, S. (2019). Cannabidiolo nell'ansia e nel sonno: un grande caso

Serie. Il giornale permanente,23.

Nutrizionista, Cornell University, MS

Credo che la scienza della nutrizione sia un valido aiuto sia per il miglioramento preventivo della salute che per la terapia aggiuntiva nel trattamento. Il mio obiettivo è aiutare le persone a migliorare la propria salute e il proprio benessere senza torturarsi con inutili restrizioni dietetiche. Sono un sostenitore di uno stile di vita sano: pratico sport, vado in bicicletta e nuoto nel lago tutto l'anno. Con il mio lavoro, sono apparso su Vice, Country Living, rivista Harrods, Daily Telegraph, Grazia, Women's Health e altri media.

Ultime da CBD